Promuoversi sul web con il proprio sito Internet

Siti Internet e promozione online | Errori da evitare

C’è sempre più consapevolezza, da parte di noi gestori di attività turistiche, della necessità di essere presenti nel vasto mare del web con un proprio sito.

Quello che manca purtroppo, molto spesso, è la preparazione tecnica adeguata volta a stabilire quali caratteristiche questo debba presentare per farne un efficace mezzo di comunicazione e promozione.

Il sito Internet rappresenta il biglietto da visita con cui presentiamo la nostra struttura ad un mercato di riferimento che potremmo voler scegliere, sulla base delle personali aspettative, oppure lasciare che ci scelga, perché interessato alla nostra posizione geografica e alle attrattive che il luogo in cui ci troviamo propone.

In entrambi i casi vorremo rivolgerci al più alto numero possibile di persone di diversa nazionalità e provenienza.

E’ bene quindi presentarsi nel modo migliore, tenendo nella dovuta considerazione che si entra in competizione con una concorrenza agguerrita e preparata.

Molto spesso una delle maggiori difficoltà che ci si trova ad affrontare nel momento in cui decidiamo di commissionare un sito è associata al budget necessario alla sua realizzazione.

Sopratutto le piccole strutture extra alberghiere devono fare i conti con le limitate risorse a loro disposizione destinabili alla realizzazione di un buon progetto.

Capita così che sottovalutando la sua importanza o per la necessità di risparmiare ci si affida a persone a noi vicine (amici o parenti) che magari hanno la fama di “saperci fare” solo perché in grado di utilizzare con dimistichezza i social network.

Con un tale metro di valutazione non ci si rende conto, se non tardi, che si sta affidando a persone non adatte non solo la nostra immagine, ma il futuro stesso della nostra attività, con le conseguenze che possiamo immaginare.

Effettuando una ricerca che mi ha portato a confrontare molti siti appartenenti ad attività dedicate alla ricezione turistica, mi è apparso chiaramente come sia facile trovarvi errori e difetti di realizzazione molto comuni e al contempo piuttosto gravi.

Errori che evidenziano come il più delle volte, pensare che basti la sola presenza online senza curarsi della qualità di questa, si riveli alquanto sbagliato e dannoso.

Dedicare attenzione sia alla nostra struttura sia a coloro che la scelgono non basta se poi diamo di questa un’immagine approssimativa e poco curata.

Se non riusciamo a trasmettere il giusto messaggio e quindi convincerli che troveranno quello che stanno cercando, rischiamo di vanificare tutto il nostro lavoro e ritrovarci a non far parte delle loro scelte.

Vediamo quindi quali sono gli errori più comuni che possono essere corretti e migliorati:

  1. NOME DOMINIO Sembra scontato ma non lo è. Deve essere chiaramente attinente con il nome che abbiamo dato alla nostra attività, pensarci in tempo quindi può evitare successive correzioni. Deve anche essere il più possibile corto e semplice da memorizzare per consentire a chi effettua la ricerca, dopo aver già visitato precedentemente il sito, di ricordarlo con facilità. Un nome non troppo lungo rende meno probabili inoltre i possibili errori di battitura – molto facili da commettere quando si è costretti a digitare un gran numero di lettere sulla tastiera del pc -. E’ anche opportuno considerare a chi vi state rivolgendo; se il vostro mercato di riferimento è un mercato di lingua diversa da quella italiana allora nomi lunghi, derivanti da forme dialettali, non solo rendono difficoltosa la lettura e la digitazione, non saranno inoltre traducibili dai vari tool messi a disposizione on line e potrebbero creare confusione e diffidenza.
  2. EMAIL Seppur si tratta di un elemento esterno va menzionato e vale lo stesso discorso fatto per il nome dominio a cui aggiungiamo una nota importante; in molti siti l’indirizzo email non è visibile, è comunque possibile contattare la struttura tramite l’apposito form inserito nella pagina dedicata. Fin qui nulla di sbagliato, ma sta prendendo piede la “moda” di utilizzare alcuni strumenti (gratuiti e no) che offrono la possibilità di nascondere ai motori di ricerca l’indirizzo in questione per limitare lo spam, non consentendo quindi la sua indicizzazione nelle serp e rendendolo introvabile anche a chi vorrebbe appuntarselo per eventuali successivi contatti, senza essere obbligato a passare dal form del sito. E’ bene considerare attentamente perché e se è necessario utilizzare questi tool, non dimentichiamo infatti che gestiamo un’attività rivolta al pubblico e si presuppone che non vi sia nulla da nascondere. Non è giustificata e difficilmente comprensibile questa scelta da parte di chi (ormai la stragrande maggioranza degli utenti), a ragione, richiede invece trasparenza dagli esercizi a cui intende rivolgersi. Limitare lo spam, ossia l’invio di promozioni e offerte non richieste nella casella di posta tramite questa opzione, può rappresentare un impedimento anche all’invio di richieste di disponibilità.
  3. IMPOSTAZIONE E GRAFICA Se c’è una cosa davvero brutta da vedere è un sito che presenta pagine con il testo tagliato, accavallato, scomposto e confuso che rende difficoltosa se non improbabile la navigazione e il suo stesso utilizzo. L’impressione che si ha quando si accede a questi è una sensazione di assoluto pressapochismo. E’ inutile possedere una struttura di buon livello se poi l’immagine che le attribuiamo è scadente quanto il sito che gli abbiamo dedicato, non dimentichiamoci (e ritengo opportuno ribadirlo) che questo è il nostro biglietto da visita e merita di essere degno del servizio che offriamo.Molti di quelli visionati, che presentano questo grave difetto, sono stati creati con piattaforme gratuite in grado comunque di confezionare siti di buona e anche ottima qualità (WordPress e Joomla tanto per fare un esempio), ma per poter ottenere risultati di buon livello ed essere utilizzati proficuamente necessitano di conoscenze adeguate.
  4. TEMPO DI CARICAMENTO Si intende quanto tempo è necessario attendere, una volta che si è digitato l’ indirizzo di un sito, affinché questo mostri all’utente le pagine che lo compongono. Non è raro ritrovarsi ad aspettare troppo prima che ciò accada. Una delle prerogative del web è proprio la rapidità con cui questo offre i risultati attinenti alle ricerche effettuate e gli utenti vi sono abituati e la pretendono. Costringerli ad aspettare più del dovuto che la nostra pagina gli offra le informazioni che stanno cercando, la maggior parte delle volte porta all’abbandono del sito, deviando così la loro attenzione altrove. Nella maggioranza dei casi il problema può essere risolto con una periodica manutenzione volta ad ottimizzare il codice sorgente del sito web ed i suoi parametri di configurazione nel server.

In conclusione il successo o il fallimento della propria attività dipendono sì dalla qualità della location e dei servizi offerti, ma questi avranno la possibilità di essere apprezzati solo dopo che i clienti saranno giunti da noi.

Il compito di convincerli della bontà della nostra offerta, e quindi indurli a sceglierci, spetta ai vari canali di promozione che utilizziamo, tra i quali il nostro sito Internet riveste sicuramente l’importanza maggiore e proprio per questo merita una grande attenzione.

Dedicargliela può produrre risultati sorprendenti.